Il mio impegno…..

All’inizio dei miei studi come fisiatra sono stato disorientato dall’enorme quantità di differenti approcci proposti per risolvere il problema che il paziente ci pone: come posso stare meglio? Negli anni, in questo ambito, c’è stato un fiorire di differenti filosofie. Metodo Cyriax, metodo Maitland, metodo Mckenzie, metodo Stecco…. potrei andare avanti per ore.

Se guardo alle altre branche della medicina, non posso non notare come questa sia un anomalia presente solo in questa specialità. Tutto ciò ha sempre contrastato con l’idea che avevo in mente di scienza; ossia un insieme univoco di conoscenze ottenute con modalità rigorose. Quando leggo la parola “metodo” usata in questa maniera, penso che in realtà sarebbe più opportuno utilizzare la parola “opinione”. Non c’è nulla di sbagliato in questo, e certamente sulla maggior parte degli argomenti non abbiamo ancora raggiunto un discreto grado di “verità scientifica”. Tuttavia credo che sia corretto analizzare quanto le differenti visioni poggino su delle reali “evidenze”. E’ giunto il momento anche per la riabilitazione di entrare nell’evidence based medicine.

Con questa finalità in questo Blog mi propongo di analizzare e commentare gli argomento scientifici più in voga partendo, spesso, da un lavoro scientifico che mi ha particolarmente colpito.

Ogni cosa scritta rappresenta esclusivamente la mia visione e non deve essere attribuita a coloro che lavorano o collaborano con me

L’esigenza di questo Blog nasce dalla constatazione di come esistano diversi siti del genere in lingua inglese, mentre sono assai pochi quelli disponibili in italiano. Tutto ciò a scopo puramente divulgativo, cercando sempre di non dimenticarsi che la pratica medica non è uno studio randomizzato controllato in doppio cieco e che quello che abbiamo davanti è una persona a tutto tondo che soffre per una patologia, non un ginocchio con un LCA rotto.

In fisiatria differenti figure vengono coinvolte nella cura dei problemi del paziente. Medici, fisioterapisti, osteopati, chiropratici, preparatori atletici. Tutte danno spesso risposte differenti alla stessa domanda che ci pone il malato. Credo che il segreto del successo, ossia la guarigione del malato, stia nel collaborare e confrontarsi gli uni con gli altri. Per fare questo però dobbiamo parlare un linguaggio comune e questo linguaggio non può essere altro che quello dettato dalla scienza e dall’evidence based medicine.

Annunci

3 pensieri su “Il mio impegno…..

    • Buongiorno. Così come per altri colleghi medici e per i fisioterapisti, collaborare con altre figure professionali non dipende, a mio parere tanto, dal titolo ma piuttosto dalla persona. Dove lavoro ho affianco a me un chiropratico che stimo molto e con cui collaboro, ma conosco altri con cui non potrei mai lavorare. Come cerco di trasmettere nei post ho una visione della riabilitazione che mi è data dalla mia attuale comprensione della letteratura e dalla mia esperienza. Riesco a collaborare con quelli che vedono le cose più o meno come me, ma se sostieni ti poter spostare il tentorio tirando il lobo dell’orecchio allora faccio fatica…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...